Visita del Superiore Generale della Congregazione al Noviziato

Eravamo seduti a tavola per il pranzo, come ogni giorno, e improvvisamente si sente bussare alla porta… è il P. Generale! Che bella sorpresa! Una visita inaspettata, in tanta semplicità e delicatezza, che ha riempito di gioia il nostro cuore.

Molto bello il suo gesto di attenzione per la nostra comunità del noviziato! Era di passaggio ha detto, ma non poteva non fermarsi! Quindi, dopo esser stato in San Giuseppe, da p. Josè Orbegozo, si è fermato da noi.

Dopo il primo saluto affettuoso e personale a refettorio, ci siamo spostati nella sala degli incontri di comunità. Era molto desideroso oltre che salutare i religiosi della casa, conoscere almeno sommariamente, tutti noi novizi passionisti, e così ci siamo presentati. Traspariva dai nostri volti la gioia mista a forte emozione.

Dopo averci ascoltato attentamente, ha preso la parola, un discorso breve, ma intenso. Ha esordito, ricordando un’altra visita inaspettata, sempre qui al monte, in questa stessa casa, quella del Papa (ora beato) Giovanni Paolo II, quando al suono del campanello un padre andò ad aprire la porta e si trovò davanti il papa; ma con aria umoristica, ha detto che lui non è il papa ma, la visita è stata comunque inaspettata! In questo modo, ha espresso anzitutto la sua gioia per ave incontrato personalmente noi novizi con il maestro p. Carlo e il vice maestro p. Roberto, e tutti i padri della comunità. Li ha anche ringraziati per il loro servizio per noi e per l’intera congregazione. Ha continuato il suo discorso invitandoci ad essere sempre gioiosi, con il sorriso in volto, per poter annunciare a tutti Gesù Cristo, senza quell’aria di tristezza tipica da funerale.

Ci ha assicurato inoltre, la sua preghiera per domenica prossima, 8 dicembre, che per noi sette novizi, è una giornata speciale: faremo la vestizione, indosseremo per la prima volta l’abito della Passione. Questa visita inaspettata, la consideriamo quindi, già il primo gran bel regalo per la nostra vestizione!

Poi uno di noi, anche se un po’ timidamente, a nome di tutti, oltre a manifestargli la gratitudine di questa bella sorpresa, lo ha anche invitato a presiedere alla nostra prima Professione religiosa, che se il Signore vorrà, sarà in settembre prossimo. Anche qui, non è mancato il suo sorriso e la sua disponibilità, sempre in base ai suoi impegni in agenda.

Non ci resta allora che dire:

Grazie P. Generale, e venga spesso a farci queste belle sorprese!

(Marino Longo, novizio)GEN-480x480